NOTIZIE IN EVIDENZA

Coronavirus, a Verona le mascherine con il volto di Mussolini. Pd: “Vanno sequestrate”

“Ancora una volta per colpa di quattro stupidi l’immagine di Verona viene danneggiata. È intollerabile che nella citta’ medaglia d’oro per la Resistenza circolino mascherine con l’effige di Mussolini, responsabile delle leggi razziali, del massacro di migliaia di italiani in una guerra a fianco di Hitler e della distruzione del nostro Paese”. Cosi’ il parlamentare veronese Diego Zardini, che chiede al prefetto Donato Giovanni cafagna e alle autorita’ giudiziarie di “provvedere immediatamente al sequestro di questi gadget dell’orrore e di denunciare l’azienda produttrice per apologia del fascismo”.

Continua a leggere

Fabrizio Tommasini, www.dire.it
Israel approves 7,000 new settler homes in West Bank

Israel has approved the construction of 7,000 new homes in a move to expand a West Bank settlement, the country's defense ministry announced Wednesday. Israeli defense minister Naftali Bennett announced his approval of "thousands" of new housing units in the West Bank settlement of Efrat, expanding the settlement by approximately 272 acres. "I instructed the defense establishment to continue to strengthen the settlement resolutely," tweeted Bennett. "Construction should not be stopped for a moment".

Continua a leggere

Redazione English.alaraby.co.uk, english.alaraby.co.uk
14 maggio | Fratellanza umana

L’iniziativa è dell’“Alto Comitato per la fratellanza umana” composto da capi religiosi che si ispirano al Documento sulla fratellanza umana, firmato da papa Francesco e dal grande imam di al-Azhar. Si terrà il 14 maggio una giornata di preghiera e digiuno per liberare il pianeta dal coronavirus che coinvolgerà i leader religiosi nel mondo. L’iniziativa è dell’“Alto Comitato per la fratellanza umana” composto da capi religiosi che si ispirano al Documento sulla fratellanza umana, firmato da papa Francesco e dal grande imam di al-Azhar, Ahmed al-Tayyeb, il 4 febbraio 2019.

Continua a leggere

Redazione Catholica, www.avvenire.it
Nel Mediterraneo centrale non ci sono più navi di soccorso

Le autorità italiane si confermano completamente incapaci a gestire la “crisi” migratoria tra l’Africa e le nostre coste, rendendo ormai legittimo domandarsi se non le si possa definire delle vere e proprie complici della strage di migranti nel Mediterraneo. Dopo la Alan Kurdi, ieri anche la nave Aita Mari è stata sottoposta a fermo amministrativo dalla guardia costiera italiana, sempre per “diverse irregolarità di natura tecnica e operativa.” La decisione di bloccare le due imbarcazioni spagnole ha un effetto preciso e drammatico: ora, infatti, non ci sono più navi di soccorso nel Mediterraneo centrale.

Continua a leggere

Redazione The Submarine, thesubmarine.it
Sugli aiuti russi

Rispondo alla seconda delle tre domande poste nel mio primo intervento sulla questione degli aiuti russi, uscito qui alcuni giorni fa. Avvertendo che non è facile compilare un elenco esatto dei materiali inviati da Mosca, poiché anche le fonti ufficiali sono assai avare di dettagli, si può affermare con buon grado di esattezza che in Italia sono arrivate una quindicina di grossi aerei cargo militari e una ventina di mezzi da trasporto ruotati, recanti uomini e strumenti prevalentemente dediti alla disinfezione.

Continua a leggere

Luca Lovisolo, www.facebook.com
US Ambassador in Israel incites annexation and settlement building

The US is ready to recognise Israeli sovereignty over the Jordan Valley as well as the illegal Israeli settlements in the rest of the occupied West Bank, US Ambassador to Israel David Friedman told Israel Hayom on Tuesday. In an exclusive interview, Friedman said that the US is to recognise Israel’s sovereignty in the West Bank when the process of mapping the area is completed; when the Israeli government agrees to halt settlement construction in part of Area C; and when the Israeli Prime Minister agrees to negotiate with the Palestinians on the basis of the “deal of the century”.

Continua a leggere

Redazione Middleeastmonitor.com, www.middleeastmonitor.com
Kenya | Più di 200 vittime per le inondazioni

Inondazioni e smottamenti di terreno hanno provocato in queste ore la morte di più di 200 persone in Kenya. Le regioni più colpite sono quelle costiere. Un comunicato del governo riferisce che le piogge hanno distrutto 3240 ettari di terreno e danneggiato gravemente le infrastrutture necessarie all’approvvigionamento d’acqua della capitale e di altri centri urbani. Molte famiglie sono state evacuate. Tutte le operazioni sono state ovviamente rese più complesse dalla necessità di operare in conformità alla misure di sicurezza adottate per fronteggiare il Covid-19.

Continua a leggere

Redazione Africarivista.it, www.africarivista.it
Quei due bambini italiani rapiti in Pakistan e ignorati dalla politica

Tradita e maltrattata dal marito, Sheneeza si è per questo vista strappare via i suoi figli – cittadini italiani – ormai segregati da un parente a Islamabad. Una tragica storia di incontro tra cultura del patriarcato e indifferenza delle istituzioni italiane, emersa solo grazie a un’associazione marchigiana.

Continua a leggere

Joshua Evangelista, frontierenews.it
Più reti familiari e solidali, meno istituti. Tutto il dovuto per gli anziani

È un tempo difficile, questo. Sentiamo il peso della riscoperta della fragilità, la sentono i nostri anziani, in particolare quelli ospiti negli istituti, nelle Rsa. Di loro ha parlato il Papa durante l’Angelus di domenica 29 marzo: «In questo momento il mio pensiero va in modo speciale a tutte le persone che patiscono la vulnerabilità di essere costretti a vivere in gruppo: case di riposo...».

Continua a leggere

Marco Impagliazzo, www.avvenire.it
Medico saudita rifiuta il rimpatrio per aiutare gli italiani: "Ho scelto l'ospedale di Lodi"

Tra i medici che lavorano in prima linea nell'ospedale dedicato ai casi di Covid-19 di Lodi, in Lombardia, c'è anche un giovane saudita. Si tratta di Nasser Alabdulaaly, il quale ha rifiutato di aderire al piano di rimpatrio organizzato dalla sua ambasciata in Italia, dopo lo scoppio della diffusione del coronavirus, per rimanere in Lombardia ed aiutare il sistema sanitario nazionale italiano. "Vivo a Pavia dove mi sono laureato nel marzo dello scorso anno alla facoltà di Medicina e chirurgia", ha spiegato Alabdulaaly.

Continua a leggere

Redazione Agenzia Nova, www.agenzianova.com
LETTURE CONSIGLIATE

A tu per tu con il mondo. Educarci al viaggiare interculturale nel tempo dei muri

2020

Giuseppe Milan

Continua a leggere


L’ombra del nemico. Una storia del terrorismo islamista

2020

Marta Serafini

Continua a leggere


Arabpop. Arte e letteratura in rivolta dai paesi arabi

2020

a cura di Chiara Comito e Silvia Moresi

Continua a leggere


La Fila

2018

Basma Abdel Aziz

Continua a leggere


Gli impuniti

2018

Carla Del Ponte

Continua a leggere


LA RETE

L'associazione "Incursioni di pace - Rete Progetto Pace Vicenza", nasce dall'iniziativa di un gruppo di docenti, studenti ed ex studenti dei seguenti Istituti Superiori dell'Ovest Vicentino
Continua a leggere