NOTIZIE IN EVIDENZA

Nepal, la storia delle donne che si ribellano alla segregazione quando hanno le mestruazioni: “Ogni anno una di noi muore”

88 madri, figlie, mogli, del villaggio di Ripi, a inizio maggio scorso, di fronte alle autorità locali, hanno rifiutato pubblicamente il rito. Ogni mese le donne sono costrette a stare nel periodo del ciclo in capanne simili a delle stalle: non possono toccare gli uomini, non possono lavarsi, consumare latte, yogurt, burro, carne e altri cibi nutrienti, né possono usare coperte calde, ma solo un piccolo tappeto, solitamente fatto di juta

Continua a leggere

Martina Milone, www.ilfattoquotidiano.it
Dichiarazione congiunta UNHCR-OIM: necessario cambiare l’approccio internazionale nei confronti di rifugiati e migranti in Libia

Il 3 luglio scorso, oltre 50 rifugiati e migranti hanno perso la vita in seguito all’attacco aereo contro il Centro di detenzione di Tajoura, a est di Tripoli, in Libia. Questa settimana le nostre organizzazioni hanno rivolto un appello all’Unione Europea e all’Unione Africana affinché una tale tragedia non si ripeta. La comunità internazionale dovrebbe considerare la protezione dei diritti umani di migranti e rifugiati come un elemento essenziale del proprio impegno in Libia.

Continua a leggere

Unhcr.it, www.unhcr.it
Migranti, il piano di Moavero per gestire i flussi: filtri sui visti e porti franchi

Nel piano dell’Italia per gestire i flussi migratori a livello europeo ci sono filtri sui visti e porti franchi. Lo ha spiegato al Corriere della Sera il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi annunciando il progetto che verrà presentato a Bruxelles. “Il primo livello è fare di più prima che le persone inizino a migrare. Occorrono investimenti maggiori, con finanziamenti sufficienti, nei Paesi dai quali si parte: progetti mirati a rafforzare il tessuto sociale o mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Le risorse necessarie sono ingenti e proprio per questo il tema deve entrare nei negoziati sul Quadro finanziario europeo 2021-2027. Per raccoglierle, si può pensare anche all’emissione di appositi titoli europei di debito”.

Continua a leggere

Redazione Stranieriinitalia.it, stranieriinitalia.it
Afghanistan: Il bollettino quotidiano della morte

Il commando è formato da tre guerriglieri che alle 12.30 di ieri entrano in un albergo a Qala-e-Naw, capoluogo della provincia occidentale di Badghis che confina col Turkmenistan. L’albergo nel cuore di una cittadina il cui nome significa “casa dei venti” è una sorta di centro commerciale – con negozi, stanze, ristoranti – da cui si può prender di mira il quartier generale della polizia e la casa del governatore. Il tiro al piccione frutta diversi morti tra le forze di polizia, almeno otto, e altrettanti feriti.

Continua a leggere

Emmanuele Giordana, emgiordana.blogspot.com
La criminalità uccide più di guerre e terrorismo, dati Onu nel mondo

Nel mondo omicidi in aumento esponenziale negli ultimi 25 anni. Criminalità più di guerre e terrorismo. Le donne hanno spesso i carnefici in casa. Il continente più pericoloso è l’America del sud e del centro. Situazione più “tranquilla” in Europa, Asia ed Oceania. Giornalisti sempre più nel mirino

Continua a leggere

Alessandro Fioroni, www.remocontro.it
Francia: autista italiano si tatua una “dedica” a Hitler. Flixbus lo licenzia

La compagnia di pullman low cost Flixbus ha escluso dalle sue linee un autista italiano. Il motivo è una scritta tatuata sul suo avambraccio: Mein Kampf come il titolo del celebre libro di Adolf Hitler. La decisione è arrivata dopo un’ondata d’indignazione lanciata su Twitter in seguito alla denuncia di un passeggero.

Continua a leggere

Redazione Open.it, www.open.online
Fb, multa da 5 miliardi per il caso Cambridge Analytica

La Federal Trade Commission statunitense, corrispondente al nostro garante per le telecomunicazioni, ha comminato una stangata da 5 miliardi di dollari a Facebook per gravi violazioni della privacy. Il caso è lo scandalo del marzo dello scorso anno che ha investito la Cambridge Analytica, società britannica poi fallita, che ebbe accesso a ben 86 milioni di dati di utenti ignari poi impiegati per le campagne elettorali, in particolare per la campagna presidenziale di Donald Trump attraverso lo stratega Steve Bannon

Continua a leggere

Redazione 24.ilsole24ore.com, stream24.ilsole24ore.com
Blocco navale atto di guerra. A chi? Storia e popoli

Il ‘blocco navale’ italiano evocato da alcune parti politiche per fermare, manu militare, l’immigrazione clandestina. Sparata politica senza rapporto con la realtà dei 4000 chilometri di coste e dei numeri della presunta ‘invasione’: 3073 migranti quest’anno, dati ministero degli interni, 248 quelli su navi Ong. Le considerazioni tecnico militari del generale Roberto Bernardini alcuni giorni fa. Oggi alcuni dei ‘blocchi navali’ nella storia, raccontatati da Giovanni Punzo. Blocco di merci in genere, ma sempre per colpire uomini

Continua a leggere

Giovanni Punzo, www.remocontro.it
Libia, la guerra ha già fatto mille morti

In Libia, la guerra civile continua a mietere vittime. «Il bilancio dell’attacco di questa settimana contro un centro di migranti a Tajoura è di 53 morti e 130 feriti, che fa salire il bilancio totale degli scontri a Tripoli a quasi 1.000 morti e oltre 5.000 feriti». Lo riferisce l’Organizzazione mondiale della Sanità in Libia in un tweet. «L’Oms invita a una soluzione rapida e pacifica che metta al sicuro tutte le persone in Libia», aggiunge l’agenzia Onu.

Continua a leggere

Redazione Africarivista.it, www.africarivista.it
Speciale energia: Iran, con violazione accordo nucleare Teheran lancia appello ad Europa contro sanzioni

Per la prima volta dal 2015, l’Iran ha violato l’accordo sul nucleare aumentando le sue scorte di uranio arricchito al 3,67 per cento, superando il limite di 300 chilogrammi. La violazione, che è stata confermata anche dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) attraverso il suo portavoce Fredrik Dahl, rappresenta un’ulteriore evoluzione nella crisi in corso tra Teheran e gli Stati Uniti, ma soprattutto un chiaro appello all’Europa di ottemperare alle promesse di sostenere l’economia iraniana colpita dalle sanzioni Usa. Il superamento delle riserve di uranio arricchito al 3,67 per cento è decisamente insufficiente per consentire all’Iran di realizzare ordigni nucleari nel breve periodo, infatti la quantità stimata necessaria si aggira tra gli 800 e i 900 chilogrammi di uranio arricchito.

Continua a leggere

Redazione Agenzia Nova, www.agenzianova.com
LETTURE CONSIGLIATE

Statualità e minoranze: meccanismi di resistenza e integrazione in Medio Oriente. Il caso dei cristiani copti in Egitto

2018

Alessia Melcangi

Continua a leggere


Non torneranno i prati. Storie e cronache esplosive di Pfas e Spannoveneti

2019

Alberto Peruffo

Continua a leggere


Il trono di sabbia. Stato, nazioni e potere in Medio Oriente

2019

AA.VV.

Continua a leggere


Le Ragazze di via Rivoluzione

2019

Viviana Mazza

Continua a leggere


1979 rivoluzione in Iran. Dal crepuscolo dello scià all'alba della Repubblica Islamica

2019

Nicola Pedde

Continua a leggere


LA RETE

L'associazione "Incursioni di pace - Rete Progetto Pace Vicenza", nasce dall'iniziativa di un gruppo di docenti, studenti ed ex studenti dei seguenti Istituti Superiori dell'Ovest Vicentino
Continua a leggere